Comments on Goal 9 of the UNSDSN draft report Indicators for SDGs

An Action Agenda for Sustainable Development
SDSN Leadership Council, An Action Agenda for Sustainable Development (2013)

After the UN Sustainable Development Solutions Network unveiled its Action Agenda for Sustainable Development in June 2013, suggesting ten operational priorities for the post-2015 development agenda and proposing 10 goals (the so-called Sustainable Development Goals, or SDGs) with 30 associated targets to replace the expiring Millennium Development Goals (MDGs) , intensive work has been conducted by the 12 Thematic Groups in order to identify proper indicators to help monitor and assess progress in the implementation of those goals. The result of this process is Indicators for SDGs, a new draft report which “presents an integrated framework of 100 indicators within the framework of the goals and targets proposed by the SDSN”. Public consultation has been encouraged at all levels to improve the draft version, and the deadline for submitting comments extended to March 28, 2014. You can find the draft report here (but also tweet about it using #indicators2015).

In this broader context, University of Siena has decided to take part in the discussion, drawing up a document of suggestions and observations aimed at integrating the SDSN report, to which professors and researchers within the Ne.S.So. board all contributed according to their respective areas of interest, and to which I also participated with a set of proposals focused on possible indicators for Goal 9 (Secure Ecosystem Services and Biodiversity, and Ensure Good Management of Water, Oceans, Forests and Natural Resources). The comments I wrote were included with some modifications and cuts in the submitted form, as a result of the excellent assembly work completed by Prof. Simone Bastianoni and his group (Ecodynamics); nonetheless, I am pleased to share an extended version of my personal contribution (one that includes some background and a few explanations on the points made), as we all wait for the final version of ‘Indicators for SDGs’ which will hopefully take our proposals into account. Don’t forget, I look forward to hear from you about it.

1. Goal 9 of the SDGs

Within the proposed Sustainable Development Goals and Targets, Goal 9 is concerned with “securing ecosystem services and biodiversity, and ensuring good management of water, oceans, forest and natural resources”. If pursued effectively, this goal basically requires that “biodiversity, marine and terrestrial ecosystems of local, regional, and global significance are inventoried, managed, and monitored to ensure the continuation of resilient and adaptive life support systems and to support sustainable development”, in accordance with the Aichi Biodiversity targets. At the same time, it implies that “water and other natural resources are managed sustainably and transparently to support inclusive economic and human development”1.

Goal 9 is also partitioned in 3 separate but interconnected targets:

Target 9a) Ensure resilient and productive ecosystems by adopting policies and legislation that address drivers of ecosystem degradation, and requiring individuals, businesses and governments to pay the social cost of pollution and use of environmental services.*

Target 9b) Participate in and support regional and global arrangements to inventory, monitor, and protect biomes and environmental commons of regional and global significance and curb trans-boundary environmental harms, with robust systems in place no later than 2020.

Target 9c) All governments and businesses commit to the sustainable, integrated, and transparent management of water, agricultural land, forests, fisheries, mining, and hydrocarbon resources to support inclusive economic development and the achievement of all SDGs.*

As stressed by the Action Agenda for Sustainable Development, a specific goal devoted to the protection of biodiversity and ecosystem services it provides is justified by the fact that “ecosystems, such as rainforests, mangroves, coral reefs, wetlands, drylands, and grasslands underpin human life on Earth, through provisioning services (e.g. food, clean water, energy, medicines), regulating services (e.g. climate, air quality, pollination, coastal storm protection), support services (e.g. soil formation), and cultural services (e.g. educational, religious, tourism)”2, 3. Today, such ecosystems are almost everywhere experiencing processes of heavy degradation, caused by pollution, eutrophication, climate change, overharvesting of resources and so on, while biodiversity loss is occurring at an unprecedented rate in the history of life on earth; a profound modification in the management and governance of the way mankind interacts with these support systems is thus needed to ensure sustainable development challenges are met throughout the four traditional dimensions of this concept (see fig.1).

Fig.1: Contribution of Goal 9 of the SDGs to the four dimensions of sustainable development. Adapted from SDSN Leadership Council (2013) An Action Agenda for Sustainable Development

However, it is not to be forgotten that substantial linkages exist between Goal 9 and the other SDGs, and especially Goal 6 (Improve Agriculture Systems and Raise Rural Prosperity), Goal 7 (Empower Inclusive, Productive and Resilient Cities) and Goal 8 (Curb Human-Induced Climate Change and Ensure Sustainable Energy), which will also have to be put into action in order to achieve development within planetary boundaries and fully secure biodiversity and ecosystems, as a consequence. This is something I consider in my comments (see infra).

2. Indicators for Goal 94

The SDSN draft report on the indicators for the post-2015 development agenda proposes, inter alia, the following indicators:

– for Target 9a: Ocean Health Index at the national level (more info here), Red List Index by country and major species group (here), Protected Areas Overlays with Biodiversity (here), Area of Forest Under Sustainable Forest Management as a Percent of Forest Area (here). More indicators that apply to Target 9a are covered under other Targets, i.e. Annual change in forest area and land under cultivation (Target 6b), while additional tools are left for countries to consider, such as with regard to the implementation of spatial planning strategies for coastal and marine areas or the use of destructive fishing techniques.

– for Target 9bOcean Health Index at the regional level, Red List Index for internationally traded species, Proportion of Fish Stocks Within Safe Biological Limits (see here), Protected Area Overlays with Biodiversity (regional and global); additional indicators for countries may include Abundance of Invasive Alien Species and Area of Coral Reef Ecosystems and Percentage Live Cover.

– for Target 9c: Proportion of Total Water Resources Used, Publication of Resource-Based Contracts, Access to Land in Rural Areas, Publication of All Payments Made to Governments Under Resource Contracts; additional indicators may include Improved Land Ownership and Governance of Forests.

As my main areas of interest currently lie within the Targets 9a-b, my observations are mostly concerned with indicators provided for those two.

3. Comments on Goal 9
3.1 Factoring habitat loss in 

Fig.2: Global urbanization and biodiversity hotspots, 2025. Orange dots are population in millions, light/dark blue patterns are biodiversity hotspots.
Fig.2: Global urbanization and biodiversity hotspots, 2025. (projected) Orange dots are population in millions, light/dark blue patterns are biodiversity hotspots. Source: UN & Conservation International 2012

Habitat loss, mostly caused by agricultural expansion, urbanization and infrastructure development, today accounts for the primary cause of species extinction and thus of biodiversity loss5. In order to secure ecosystem services it is then vital to simultaneously track down the drivers of habitat destruction; while Target 6b already provides for and indicator of the Annual Change in Forest Area and Land Under Cultivation, there is no mention in the report of the need to monitor urban expansion and other infrastructure development, with the former “occurring fast in areas adjacent to biodiversity hotspot and faster in low-elevation, biodiversity-rich coastal zones than in other areas”6, with more than 60 percent of the area projected to be urban in 2030 that has yet to be built7 and the latter also representing a foremost threat for habitats,  migratory species and genetic diversity.

Such an indicator (i.e. Annual Change in Wild and/or Protected Habitats and Land Under Urban and Infrastructure Development) could be made object of disaggregation at the regional and national level to better cope with different geographical and demographic contexts (i.e. infrastructure development in developing countries might in some cases call for a specific attention to balancing human rights such as access to electricity, water supplies, sanitation etc. and conservation considerations).

3.2 Fighting Wildlife Crime to Protect Biodiversity 

The goal of securing ecosystem services through the adoption of policies that address drivers of ecosystem degradation could require a parallel commitmment to protect biodiversity and wildlife per se, in order to be fully effective. Today, wildlife crime within the international trade of endangered species still represents one of the key drivers of biodiversity loss, as does legal overharvesting, with the two respectively believed to be worth $160bn and from $10 to 20bn dollars in 20108; adopting the Red List Index as an indicator, while necessary to monitor the species’ biological status, does not monitor the implementation of policies to safeguard or improve that same status as well.

The development of specific indicators could then provide a direct measure of the level of compliance that exists within the international community: as a suggestion, they might include the Volume of Funds (in the forms of international aid, fraction of national budget, or support provided for IGOs such as INTERPOL) utilized by governments to fight wildlife crime and implement international policies, the Annual Variation in Seizures of illegal biological material and the Number of Reported Cases of IUU Fishing in the High-Seas. In addition, as biodiversity hotspots in developing countries are often threatened by armed conflicts9, Goal 9 could ‘borrow’ the symmetrical indicator presented for Goal 1 (Refugees and internal displacement caused by conflict and violence) in the form of an indicator that measures Populations Negatively Affected by Civil War and other forms of violence.

3.3. Assessing environmental change on a warming planet

Fig.3: Per Cent of Live Corals. Source: CBD (2010) Global Biodiversity Outlook 3, adapted from Butchart et. al (2010) Science
Fig.3: Per Cent of Live Corals. Source: CBD (2010) Global Biodiversity Outlook 3, adapted from Butchart et. al (2010) Science

The contribution of climate change to biodiversity loss and ecosystem degradation is a matter of primary importance10, expected to threaten with extinction approximately one quarter or more of all species on land by the year 205011, yet almost impossible to quantify effectively, especially at the global level and on a limited timescale. Nonetheless, at the regional and national level, where impacts of warmer temperatures, changes in precipitation patterns etc. are usually heavily studied and monitored, the development of specific indicators could help better assess the relation between those two issues and determine the extent to which ecosystems get modified overtime.

As a suggestion, Shifts in Species Range and/or Trophic Level (with a special focus on keystone species and, in general, on target species for which higher-quality data and assessment methods exist) caused by modifications endured by the food web or by other forms of environmental change attributable to climatic variations (i.e. coral bleaching events, widespread mortality, effects upon shell-forming organisms12) alone or in conjunction with other drivers, could provide the basis for such and indicator13.

3.4. Monitoring sustainability in global fisheries

Fig.3: Proportion of Fish Stocks Within Safe Biological Limits. Source: FAO 2013
Fig.4: Proportion of Fish Stocks Within Safe Biological Limits. Source: FAO 2013

Indicator 83, which refers to the Proportion of Fish Stocks that are Within Safe Biological Limits, could be integrated through an evaluation of the Proportion of Fish Captures (out of the amount of total catches) that come from Sustainably Managed Stocks and/or Stocks that are Within Safe Biological Limits, to monitor the impact of sustainable practices/fisheries on global fisheries production (and not just biological status by itself). Additional indicators on the subject could include the Temporal Variation in Capacity-Enhancing Subsidies (that is, public subsidies of all forms that enhance vessels’  capacity to catch fish) destined to the fisheries sector, which amounted to 20bn dollars in 200914, a measurement of the Decline of Keystone Species caused by overfishing (also a cause of ecosystems degradation) and the Proportion of Seafood Converted into Fishmeal for Aquaculture out of global catches. The last indicator could be particularly needed in the future, as the worldwide increase in the production of carnivorous species has determined an increased use of fishmeal, fish oil and low-value fish in aquaculture15 which in turn results in increased pressure on targeted stocks and entails a net-loss in the amount of seafood available for human consumption.

It is to be noted that the portion of capture fisheries used to produce fishmeal will be about 17 percent by 202116, declining by 6 percent compared with the 2009–2011 average owing to the growing demand for fish for human consumption. However, in 2021 fishmeal production should be 15 percent higher compared with the 2009–2011 average16 (though almost 87 percent of the increase will derive from improved use of fish waste), a rise which causes further concerns on the sustainability of a supply chain that is already facing a dramatic decline of global fish stocks.

*****

On March 14, Thematic Group 8 of the SDSN (Forests, Oceans, Biodiversity, and Ecosystem Services) has launched a public consultation on its first draft report. The deadline has been set for April 14; you can find out more and read the current version here.

_______________

* Targets marked need to be specified at country or sub-national level
1 SDSN Leadership Council (2013) An Action Agenda for Sustainable Development; p.31
2 SDSN Leadership Council, ibid.; p.21
3 See the Millennium Ecosystem Assessment for more details
4 SDSN Leadership Council (2014) Indicators for SDGs draft report; pp. 110-121
5 Millennium Ecosystem Assessment (2005) Ecosystems and Human Well Being: The Biodiversity Synthesis (World Resources Institute, Washington DC); p.10
6 Elmqvist et al. (eds.) (2013) Urbanization, Biodiversity and Ecosystem Services: Challenges and Opportunities: A Global Assessment; p.2
7 Elmqvist et al. (eds.) (2013) ibid.; p.410
8 cited by Gillespie (2011) Conservation, Biodiversity and International Law (Edward Elgar Publishing Ltd.); p.196
9 Hanson et al. (2009) Warfare in Biodiversity Hotspots (Conservation Biology. Vol 23, Issue 3); pp.578-587
10 for a general overview see CBD (2010) Global Biodiversity Outlook 3; pp.8-13
11 Malcolm et al. (2006) Global Warming and Extinctions of Endemic Species from Biodiversity Hotspots (Conserv Biol. Vol 20, Issue 2); pp.538–548
12 IPCC (2007) Climate Change 2007: Impacts, Adaptation and Vulnerability (Cambridge University Press)
13 For an example of linkages between climate change and alteration in the food web, see Bond and Lavers (2014) Climate change alters the trophic niche of a declining apex marine predator (Glob Change Biol, unedited)
14 Sumaila et al. (2010) A bottom-up re-estimation of global fisheries subsidies (Journal of Bioeconomics 12); pp.201-225
15 Rana et al. (2009) Impact of rising feed prices on aquafeeds and aquaculture production (FAO Fisheries and Aquaculture Technical Paper No. 541. Rome, FAO)
16 FAO (2012) The State of World Fisheries and Aquaculture 2012; p.189

Changing Perspectives in the Common Fisheries Policy

Come già scritto più volte sulle pagine di Greening USiena, ho avuto l’onore ed il privilegio di partecipare in prima persona all’organizzazione della conferenza Sustainable Development Solutions for the Mediterranean Region. Inoltre, mi è stata offerta 1045167_408455782597412_311734913_nla possibilità di moderare una specifica sessione dell’evento, dedicata alla presentazione dei progetti degli studenti selezionati dal network MED Solutions (trovate qui e qui le relative slides), ma soprattutto di intervenire con un mio lavoro in quella sede.  Premettendo che si tratta di un prezioso riconoscimento all’attività che Greening USiena svolge, ormai da diversi mesi, nel contesto dell’Università degli Studi di Siena, sono felice di condividere con voi il contenuto dell’intervento, incentrato sulla necessità di una profonda riforma delle politiche della pesca nel Mediterraneo al fine di garantire uno sfruttamento sostenibile delle risorse ittiche dello stesso ed evitare l’impatto del declino degli stocks sulle comunità costiere dipendenti da questa attività. Ovviamente, un ringraziamento particolare va a Jeffrey Sachs per aver citato durante la conferenza la mia presentazione come esempio degli obiettivi da portare avanti tramite MED Solutions (al punto da inserire il tema nella probabile agenda futura del network) e, insieme alle solutions degli altri studenti, come ragione per cui il network dovrebbe incoraggiare in ogni modo un ruolo attivo dei giovani. Ringrazio però anche Simone Libralato, ricercatore dell’Istituto Nazionale di Oceanografia e Geofisica Sperimentale, con cui ho avuto un costruttivo confronto e che si è messo a disposizione dei miei dubbi e delle mie riflessioni con la sua esperienza, certamente maggiore di quella del sottoscritto.

Di seguito, l’abstract (in inglese) del documento, intitolato ‘Changing perspectives in the Common Fisheries Policy: science-based ideas to restore Mediterranean Fisheres‘. Per leggerlo tutto, cliccate sul link al pdf che trovate in fondo alla pagina.

ABSTRACT

Schermata 2013-07-09 alle 11.29.19
Fig. 1: Capture fisheries production in the Mediterranean for different species of fish. Source: FAO, SOFIA 2012, p.55

In an European context in which the European Union imports fish and fishery products worth US$26.5 billion from suppliers outside its borders (over US$23.7 billion in 2010, which represented in turn an increase of 11 percent from 2009¹), making the European Union itself the largest market in the world, with about 26 percent of world imports¹ (excluding intra-European Union trade), while at the same time the status of Mediterranean assessed fish stocks (on which the reports are ‘sporadic and irregularly updated’, according to European Environment Agency) is considered to be outside safe biological limits for 50 % to 78%, of them, with the Adriatic Sea being in the worst condition², there is urgent need to revise current European policies with regard to the sustainable management of Mediterranean fisheries (since 2007, catches in the Mediterranean and Black Sea have declined by 15%³), with a special attention to be paid to the current subsidies system, the definition and allocation of fishing quotas and measure’s implementation. In general, this presentation suggests the need for science-based policies to be adopted by the European Union, refusing ‘socio- economic constraints’ claims as a way to delay action on fisheries, as well as the necessity of developing more effective enforcement methods in the field, and calls for a stronger cooperation between EU and other Mediterranean countries.

  • Leggi il documento qui (pdf) 
  • Consulta le slides qui

___________________________________

¹ FAO, The State of World Fisheries and Aquaculture 2012 (p.72)
² EEA, The European Environment State and Outlook 2010. Marine and Coastal Environment (p.35)
³ FAO, The State of World Fisheries and Aquaculture 2012 (p.21)

Pesce e povertà: il saccheggio africano II

Il neocolonialismo della pesca (segue)

I primi Fisheries Partnership Agreements con i paesi africani iniziano ad essere stipulati già dagli anni ’70, poichè proprio in quel periodo si diffonde la delimitazione delle acque territoriali (con la nascita delle EEZ) e diviene necessario farsi garantire i diritti di pesca dagli Stati sovrani. Non dobbiamo dimenticarci, però, che non esiste solo tale modello di accordo: esso infatti è quello disciplinato dall’Unione Europea, ma i singoli Stati ne possono stipulare di diverso tipo (è stato soprattutto il caso della Spagna), ragion per cui la situazione è pericolosamente difficile da controllare. La Convenzione delle Nazioni Unite sul Diritto del Mare (UNCLOS) provvede ad incoraggiare queste intese nel caso in cui le nazioni non siano in grado di sfruttare adeguatamente le risorse ittiche all’interno della propria zona esclusiva, pur imponendo di riservare una fascia minima di 12 miglia dalla costa per la pesca artigianale. Sia detto solo en passant, ovviamente i paesi con i quali si stipulano gli FPA non hanno i mezzi sufficienti per controllare le limitazioni poste dal diritto internazionale, nonchè quelle contenute negli stessi trattati, per cui la violazione delle regole ad opera dei grandi motopescherecci, specie di notte, rappresenta la normalità. Il budget dell’Unione destinato ai finanziamenti per i paesi terzi è costantemente cresciuto dai 6 milioni di Euro (ECU) nel 1981 ai 260 del 2008¹, l’80% dei quali avvantaggia i pescherecci spagnoli, i più direttamente interessati alla pesca nell’Africa Occidentale. Nel 2002 la Commissione Europea ha emanato una piattaforma programmatica per la negoziazione di accordi di partenariato², la quale contiene le linee guida dell’azione comunitaria, ed il Consiglio ha fatto lo stesso nel meeting del 19 Luglio 2004³: in questi documenti si sottolinea l’obiettivo di rafforzare e promuovere la pesca sostenibile, si conferma lo strumento degli FPA come miglior mezzo di sfruttamento razionale delle eccedenze e si concorda sulla necessità di combattere l’illegalità e di gestire in maniera responsabile gli stock in collaborazione con i governi degli Stati costieri. Qual è allora la situazione dall’altra parte del tavolo delle trattative?

Le cifre del disastro

La risposta è dura da digerire. E la cattiva notizia è che, pur riconoscendo all’UE l’attenuante di non essere sola a sfruttare gli stock oceanici dell’Africa (Giappone, Corea del Sud, Canada, Russia e ancor prima Unione Sovietica), e sorvolando sulle responsabilità per la pesca IUU (ovvero Illegal, Unregulated, Unreported Fishing: secondo le stime, ammonterebbe al 16% del totale delle importazioni europee), la quale in ogni caso dipende da una scarsa attenzione al pattugliamento e spesso batte pure bandiera spagnola4, la stipulazione degli accordi di partenariato rappresenta una maledizione per la biodiversità e per gli Stati costieri. Se prima, per soddisfare i propri bisogni, i pescatori dell’Africa Occidentale rimanevano in mare per meno di un giorno, adesso si trovano costretti a passare anche due settimane lontano dalla costa, in acque sempre più profonde e con risultati sempre più scarsi. I motopescherecci industriali (la flotta esterna dell’Unione conta poco più di 700 unità) raccolgono venti volte il pesce delle migliaia di piroghe che caratterizzano questi luoghi, portando a casa un 25% delle catture annuali europee. Il problema sta nel fatto che per le istituzioni comunitarie queste acque sono sotto-sfruttate, con la conseguenza che i nostri pescatori non fanno altro che gestire le eccedenze; eppure ciò è molto lontano dal vero. Al largo delle coste dell’Africa occidentale, grazie alle forti correnti ascensionali dell’oceano, la pescosità è in effetti molto elevata, e si stima che in queste zone trovino il loro habitat circa 1200 specie di pesci; ma il biologo Daniel Pauly ha calcolato che dal 1945, con l’inizio dello sfruttamento industriale, le riserve ittiche sono diminuite del 50%, e i dati forniti dalla FAO confermano questa situazione. Nelle acque dell’Atlantico centro-orientale il totale delle catture è sceso costantemente, dopo il picco raggiunto nel 20005 (al picco precedente, nel 1990, era seguito un tremendo tracollo): a farne le spese soprattutto i pesci pelagici oggetto degli accordi commerciali, quali tonni e maccarelli. Per quanto riguarda l’Atlantico sud-orientale, poi, si è avuto un declino inesorabile delle stesse specie (circa 2 milioni di tonnellate in meno dalle medie degli anni settanta al totale del 20085). C’è però un altro aspetto della sovrapesca, sul quale i dati della FAO si rivelano bugiardi: stiamo parlando delle catture accidentali. Dalle tabelle dell’organizzazione potrebbe ricavarsi infatti l’impressione che il volume di cattura dei pesci demersali (cernie, pagelli, merluzzi) sia rimasto immutato negli anni, eppure la maggior parte di questi stock è sull’orlo dell’esaurimento. Perché? Semplicemente, il motivo risiede nel fatto che le statistiche si basano su quanto viene dichiarato dalle flotte (per l’Africa occidentale, circa 12.000 tonnellate annue): si stima però che la cifra reale sia addirittura otto-dieci volte più alta. Le specie di cui si è parlato, infatti, divengono facilmente prede accessorie quando si pescano i gamberi con la rete a strascico, dragando il fondale sul quale questi animali vivono. Il destino delle catture accidentali è duplice: una parte viene sbarcata sul posto e venduta sottobanco alla popolazione locale, l’altra (costituita dalle specie non commercializzabili, ma soprattutto dai giovani esemplari ancora non in età da riproduzione) è ributtata in mare; poichè questa enorme quantità di pesce (spesso si tratta dell’80-85% dell’intero bottino) non viene resa nota, è naturale che il depauperamento degli stock sia sottostimato. Gli stessi gamberi, vista la predazione del novellame sottotaglia, sono in esaurimento. L’Unione Europea si trova proprio al centro di questa devastazione, eppure finge di non saperlo, trincerandosi dietro la mancanza di dati certi sul volume delle riserve. Gli accordi che stipula prevedono una quota massima di pesca solo per il tonno (manco a dirlo, si tratta sempre di una quota eccessiva, come dimostra il fatto che i nuovi FPA sono andati a cercare acque ancora più lontane, in Oceania ad esempio), fissando per le altre prede un mero limite al tonnellaggio delle imbarcazioni, e senza neanche controlli sulle maglie delle reti6. Inoltre, essa sostiene che le specie oggetto del proprio interesse siano diverse da quelle catturate dai pescatori tradizionali, ma anche questo è falso: l’unica differenza risiede nella maggiore selettività di una pesca con le piroghe rispetto all’utilizzo di reti a circuizione a profondità più elevate. L’impatto sugli Stati costieri dell’Africa, in definitiva, è devastante per molte ragioni: non si tratta solamente dei danni arrecati ad un delicato ecosistema marino e del problematico sostentamento degli abitanti, ma anche del circolo vizioso che viene creato dalla domanda di mercato. Infatti, gli stessi produttori locali trovano adesso più vantaggioso esportare il pescato verso l’Europa7, aumentando così una crisi alimentare che pare essere irreversibile, mentre contemporaneamente la possibilità per la flotta UE di trasformare il prodotto direttamente a bordo impedisce il formarsi di una industria di trasformazione locale. Una ricerca ha svelato che l’80% dei posti di lavoro creati dagli accordi di partenariato non si trovano in Africa, ma nel vecchio continente8.

Si fa presto a capire quanto siano dannose delle politiche così condotte, sia per le comunità locali che per l’ambiente. Non è tutto, però: che fine fanno gli aiuti promessi dall’Unione in cambio dei diritti di sfruttamento? Seguendo la lettera degli stessi FPA, questi soldi dovrebbero servire all’ammodernamento dei paesi terzi, alla lotta contro la povertà e alla sicurezza alimentare, con una percentuale molto alta vincolata ad essere spesa per lo sviluppo sostenibile della pesca stessa. Secondo uno studio della Swedish Society for Nature Conservation (SSNC), tuttavia, ‘in tre casi su quattro non ci sono prove che i fondi siano stati spesi per lo sviluppo dell’industria locale’, e le istituzioni europee non si preoccupano di controllarne l’effettiva destinazione d’uso. Se si pensa che le cifre in alcuni casi rappresentano un terzo del totale degli introiti statali (Guinea-Bissau e Mauritania), ci si rende conto del fatto che difficilmente queste serviranno per attivare i progetti sbandierati6.

———————–

¹ European Commission, EU budget 2008. Financial Report

² European Commission, Integrated Framework for Fisheries Partnership Agreements with Third Countries, 23.12.2002

³ Council of the European Union, 2599th Council Meeting. Agriculture and Fisheries, 19.07.2004

CNN, ‘Pirate’ Fishermen Looting West African Waters, 30.06.2011

5 FAO, The State of Fisheries and Aquaculture, 2010 

6 Swedish Society for Nature Conservation, To Draw the Line, 2009

7 Gumisai Mutume, Africa Seeks to Safeguard its Fisheries, Aprile 2002 (da Africa Recovery)

8 IFREMER, Evaluation of the Fisheries Agreement Concluded by the European Community, 1999

Altri riferimenti utili:

Charles Glover, Allarme Pesce. Una Risorsa in Pericolo (Ed. Ponte alle Grazie, 2005), in particolare il III cap.

ActionAid International, SelFISH Europe Report, 2008

George Monbiot,  Manufactured Famine, (The Guardian, 26.08.2008)

Pesce e povertà: il saccheggio africano I

Premessa

Nel 2011, parlare dell’importanza della biodiversità nella lotta alla povertà significa soprattutto affrontare due ostacoli alla comunicazione di segno opposto. Il primo è rappresentato dall’alibi del profitto che pervade l’intero complesso politico-industriale-finanziario mondiale, il quale provvede a fornire la scusa per ogni devastazione ambientale che si rispetti; questo alibi presenta la questione della protezione della diversità biologica sotto forma di una falsa scelta tra sviluppo e sottosviluppo, laddove condizione sociale e cura degli ecosistemi sono invece temi intrinsecamente legati tra di loro, nella misura in cui è la preservazione degli habitat naturali dei paesi più poveri a garantirne un migliore sviluppo umano, e non la spinta ad una crescita economica della quale si avvantaggiano soltanto le élite locali e internazionali. Il secondo si estrinseca nell’ipocrisia di istituzioni la cui funzione dovrebbe essere proprio quella di azionare una vasta politica di tutela ambientale, e nel finto interesse dei media, i quali provvedono a fornire una rappresentazione tanto patinata e compassionevole quanto sbrigativa delle questioni in esame. In particolare, colpisce la solerzia con cui l’ONU ha dichiarato il lasso di tempo tra il 2011 ed il 2020 ‘Decennio della biodiversità’, considerando la sua totale mancanza di uno spirito di iniziativa forte nell’ambito dei summit sul clima e, in generale, della cura del pianeta: è eufemistico che lo strombazzato scopo di tali iniziative sia quello di incrementare la consapevolezza dei cittadini sull’importanza delle tematiche ambientali, dal momento è se ci fosse qualcuno che dovrebbe essere incoraggiato (obbligato) ad agire di più e meglio, quel qualcuno dovrebbero proprio essere le Nazioni Unite.

Biodiversità e povertà in Africa

Se dovessimo scegliere il punto di partenza di un’esame sullo stato della diversità biologica mondiale e sui problemi che dal suo depauperamento derivano, senza dubbio dovremmo volgere la nostra attenzione al continente africano. Qui più che mai si intreccia la questione ambientale con la questione sociale, e qui più arduo che altrove appare il compito, a causa del grumo indistinto di interessi economici, corruzione politica e difficoltà strutturali che si dipanano nella regione. Prima di tutto, dobbiamo sgombrare il campo da un equivoco: il modello di sviluppo che ci si deve augurare per l’Africa non è il modello di sviluppo occidentale: in primo luogo, perchè quest’ultimo è frutto di un sistema sciagurato, basato su squilibri e disuguaglianze, e profondamente in crisi esso stesso; in secondo luogo, perchè la vera democrazia sorge solo da un connubio tra le peculiarità dei luoghi e l’autodeterminazione dei cittadini, e si basa non sull’aumentare del reddito, bensì sul rispetto della propria storia e sull’appartenenza ad un percorso condiviso di valori, saperi, risorse; infine, perchè solo svincolandosi da un’idea fuorviante di inadeguatezza della vita rurale al formarsi di una società nuova, democratica e sana, si può garantire un futuro al pianeta ed alle persone. Il nodo centrale, a mio avviso, risiede nella necessità di comprendere che il ruolo della biodiversità nell’economia (qui il termine sia inteso in senso letterale, puro) di un miglioramento delle condizioni di vita nei paesi di quest’area è un ruolo fondamentale, e che il mantenimento della biodiversità stessa non è un intralcio allo sviluppo (per lo meno, non nel senso in cui la parola sviluppo è abitualmente intesa in Occidente), bensì la sua componente più forte. Per gli abitanti del cosiddetto Terzo Mondo (anche se utilizzo questa espressione con una certa riluttanza), benessere non significa né può significare cementificazione selvaggia, utilizzo di strumenti finanziari, aiuti ai governi, apertura agli investimenti stranieri, come da più parti si vorrebbe far credere agitando lo spauracchio del sottosviluppo che conviene a molti e incoraggiando un solidarismo di facciata. Lo aveva capito, a suo tempo, il presidente del Burkina Faso Thomas Sankara il quale, prima di essere ucciso nel 1987, si era adoperato per avviare una poderosa serie di riforme basate su una prospettiva anti-imperialista: rifiuto degli aiuti umanitari, battaglia contro il debito odioso, nazionalizzazione delle miniere e della terra, disconoscimento dei poteri dell’International Monetary Fund e della Banca Mondiale, nonchè politiche per l’autosufficienza alimentare, la riforestazione, l’educazione e i diritti delle donne. Come dimostra il suo esempio, non solo il miglioramento delle condizione africana non può basarsi su ingerenze esterne che si traducono sistematicamente in investimenti e donazioni (condizionate), pena l’impossibilità di raggiungere una effettiva indipendenza dalle forze economiche dominanti, ma questo miglioramento deve anche, necessariamente, basarsi sulla protezione delle fonti della vita e del sostentamento: l’ambiente e la sua biodiversità.

Il neocolonialismo della pesca

Se della biodiversità terrestre mi occuperò per esteso in uno dei prossimi interventi del blog, oggi vorrei fornire uno spunto di riflessione sulle pressanti questioni che riguardano la preservazione della varietà biologica acquatica africana, questioni troppo spesso nascoste in un cono d’ombra, tralasciate in favore degli aspetti più mainstream della crisi ambientale, ma al tempo stesso talmente vitali (e scabrose) da rappresentare una grave minaccia alla stessa sopravvivenza dei mari e delle popolazioni della regione, nonchè una problematica politica e geografica di fondamentale importanza. Spesso, quando si parla di crisi alimentare, sembriamo dimenticarci che nonostante più di metà della popolazione del continente viva ancora lontana dalle coste (in parte comunque vicino a fiumi e grandi laghi), le città affacciate sul mare subiscono una crescita annua, dovuta principalmente a flussi migratori, del 4 percento¹. Per queste persone (circa 500 milioni), la fonte di sostentamento più importante è rappresentata dalla pesca: oltre il 20% delle proteine animali consumate nei paesi dell’Africa Sub-sahariana (la cifra non tiene conto della distribuzione sul territorio, e va quindi intesa per difetto: si stima che in Senegal arrivi al 70%) provengono infatti dall’Oceano Atlantico². Si pone dunque la necessità di una protezione costante e severa della biodiversità acquatica, non solo nell’ottica della salvaguardia degli ecosistemi singolarmente intesi, ma anche in quella di un approccio più olistico che consideri la reciproca, fondamentale relazione tra uomo e mare come base di ogni meccanismo di tutela. Purtroppo, non solo questa protezione non viene adeguatamente attuata ed incoraggiata, ma spesso sono proprio le politiche dei paesi occidentali a dirigersi in senso opposto. In particolare, l’influenza della vecchia, solidale Europa sugli stock ittici dell’Africa Occidentale dovrebbe essere sottoposta ad uno scrutinio severo da parte dell’informazione, al pari di quella esercitata dai paesi del Sud Est asiatico, Giappone e Corea del Sud in primis. Come fa notare il settimanale inglese The Economist, nel suo rapporto Troubled Waters, l’88% delle riserve ittiche europee risulta oggi soggetto a sovrasfruttamento³, e questo a causa dello sviluppo della pesca su scala industriale che dalla fine della seconda guerra mondiale ha iniziato a decimare i nostri mari: il volume totale delle catture dichiarate (la stima non tiene conto delle catture illegali e di quelle non comunicate, che sono purtroppo la norma) dai 27 paesi oggi facenti parte dell’Unione Europea, con l’aggiunta di Norvegia, Islanda e Liechtenstein, nonchè delle Isole Far Oer e della Groenlandia, è salito dai 5 milioni e 700 mila tonnellate del 1950 (ma qui non è compreso il dato delle Repubbliche baltiche all’epoca territorio dell’URSS e neanche quello della Slovenia) ai quasi 13 milioni del 1997, per poi iniziare a decrescere fino ai 9 milioni circa registrati nel 20104. Dovendo far fronte ad una crescente domanda di pesce sul mercato (l’Unione Europea è, insieme agli Stati Uniti e al Giappone, uno dei tre maggiori consumatori di prodotti ittici) e insieme alla scomparsa progressiva delle sue riserve, l’Europa ha così deciso di seguire due strade: da una parte, è divenuta il più grande importatore del pianeta (42% del totale mondiale delle importazioni²), dall’altra, mentre gli stessi pescherecci si spingevano verso le acque profonde degli oceani (il 23% del pesce nelle acque neozelandesi non viene catturato da navi locali, ma europee e giapponesi²), ha iniziato anche a stipulare accordi bilaterali, denominati FPA (Fisheries Partnership Agreements), con i quali paesi terzi garantiscono diritti di pesca all’interno della propria EEZ (Exclusive Economic Zone) alla flotta europea in cambio di aiuti finanziari e tecnici. Ma di quali partner economici stiamo parlando? Ovviamente dei paesi africani (anche se non mancano zone molto lontane, come Micronesia, Isole Salomone e Kiribati), i quali sono così sottoposti ad una sorta di colonialismo di ritorno, che secondo la maggior parte degli studiosi sta contribuendo alla devastazione della biodiversità acquatica del continente e, di conseguenza, alla povertà delle comunità di pescatori locali.

(continua…)

————————–

¹ Don Hinrichsen, Ocean Planet in Decline (in Coastal Waters of the World: Trends, Threats and Strategies. Washington D.C. Island Press, 1998)

² Food and Agriculture Organization,  The State of World Fisheries and Aquaculture, 2010  

³ The Economist, Troubled Waters. A Special Report on the Sea, 2009

4 Eurostat, Catches by Fishing Area, 1950-2010