The Social Dimension of Environmental Sustainability (document)

Locandina
Poster of the seminar “Health, Social Inclusion, Sustainable Development” (Siena, 20 May 2014)

On May 20, 2014 I had the pleasure of featuring as a speaker along with Tommaso Diegoli (Project Manager of MED Solutions) and Gianluca Breghi (Managing Director of Fondazione Sclavo) during the seminar “Health, Social Inclusion and Sustainable Development. Global and Regional Challenges“, co-hosted by Greening USiena and Fondazione Sclavo in partnership with MED Solutions and the University of Siena. As the title of the event suggests, covered topics included the progress on the MDGs, the transition to the SDGs, the push to achieve health for all, social sustainability as a pillar of sustainable development, perspectives for the Mediterranean region and so on.

My talk (“The Social Dimension of Environmental Sustainability”), in particular, focused on the mutual relationship that exists between social and environmental sustainability, analyzing the importance of a healthy bio-physical environment for livelihoods and societies and presenting examples of such an interaction throughout areas ranging from climate change to the plight of natural resources during armed conflicts.

Below you can find slides from my presentation (in pdf format), the content of which mainly relied on data and reports from UNSDSN, UNDP, UNEP, IPCC, FAO, TEEB. It was divided in the following sections:

a) Section 1: What exactly is social sustainability?
b) Section 2: Why “the social dimension of environmental sustainability”?
c) Section 3: Interactions: the Millennium Development Goals
d) Section 4: Interactions: the impact of climate change
e) Section 5: Interactions: armed conflicts and violence
f) Section 6: Conclusions

Download the document here:

Comments on Goal 9 of the UNSDSN draft report Indicators for SDGs

An Action Agenda for Sustainable Development
SDSN Leadership Council, An Action Agenda for Sustainable Development (2013)

After the UN Sustainable Development Solutions Network unveiled its Action Agenda for Sustainable Development in June 2013, suggesting ten operational priorities for the post-2015 development agenda and proposing 10 goals (the so-called Sustainable Development Goals, or SDGs) with 30 associated targets to replace the expiring Millennium Development Goals (MDGs) , intensive work has been conducted by the 12 Thematic Groups in order to identify proper indicators to help monitor and assess progress in the implementation of those goals. The result of this process is Indicators for SDGs, a new draft report which “presents an integrated framework of 100 indicators within the framework of the goals and targets proposed by the SDSN”. Public consultation has been encouraged at all levels to improve the draft version, and the deadline for submitting comments extended to March 28, 2014. You can find the draft report here (but also tweet about it using #indicators2015).

In this broader context, University of Siena has decided to take part in the discussion, drawing up a document of suggestions and observations aimed at integrating the SDSN report, to which professors and researchers within the Ne.S.So. board all contributed according to their respective areas of interest, and to which I also participated with a set of proposals focused on possible indicators for Goal 9 (Secure Ecosystem Services and Biodiversity, and Ensure Good Management of Water, Oceans, Forests and Natural Resources). The comments I wrote were included with some modifications and cuts in the submitted form, as a result of the excellent assembly work completed by Prof. Simone Bastianoni and his group (Ecodynamics); nonetheless, I am pleased to share an extended version of my personal contribution (one that includes some background and a few explanations on the points made), as we all wait for the final version of ‘Indicators for SDGs’ which will hopefully take our proposals into account. Don’t forget, I look forward to hear from you about it.

1. Goal 9 of the SDGs

Within the proposed Sustainable Development Goals and Targets, Goal 9 is concerned with “securing ecosystem services and biodiversity, and ensuring good management of water, oceans, forest and natural resources”. If pursued effectively, this goal basically requires that “biodiversity, marine and terrestrial ecosystems of local, regional, and global significance are inventoried, managed, and monitored to ensure the continuation of resilient and adaptive life support systems and to support sustainable development”, in accordance with the Aichi Biodiversity targets. At the same time, it implies that “water and other natural resources are managed sustainably and transparently to support inclusive economic and human development”1.

Goal 9 is also partitioned in 3 separate but interconnected targets:

Target 9a) Ensure resilient and productive ecosystems by adopting policies and legislation that address drivers of ecosystem degradation, and requiring individuals, businesses and governments to pay the social cost of pollution and use of environmental services.*

Target 9b) Participate in and support regional and global arrangements to inventory, monitor, and protect biomes and environmental commons of regional and global significance and curb trans-boundary environmental harms, with robust systems in place no later than 2020.

Target 9c) All governments and businesses commit to the sustainable, integrated, and transparent management of water, agricultural land, forests, fisheries, mining, and hydrocarbon resources to support inclusive economic development and the achievement of all SDGs.*

As stressed by the Action Agenda for Sustainable Development, a specific goal devoted to the protection of biodiversity and ecosystem services it provides is justified by the fact that “ecosystems, such as rainforests, mangroves, coral reefs, wetlands, drylands, and grasslands underpin human life on Earth, through provisioning services (e.g. food, clean water, energy, medicines), regulating services (e.g. climate, air quality, pollination, coastal storm protection), support services (e.g. soil formation), and cultural services (e.g. educational, religious, tourism)”2, 3. Today, such ecosystems are almost everywhere experiencing processes of heavy degradation, caused by pollution, eutrophication, climate change, overharvesting of resources and so on, while biodiversity loss is occurring at an unprecedented rate in the history of life on earth; a profound modification in the management and governance of the way mankind interacts with these support systems is thus needed to ensure sustainable development challenges are met throughout the four traditional dimensions of this concept (see fig.1).

Fig.1: Contribution of Goal 9 of the SDGs to the four dimensions of sustainable development. Adapted from SDSN Leadership Council (2013) An Action Agenda for Sustainable Development

However, it is not to be forgotten that substantial linkages exist between Goal 9 and the other SDGs, and especially Goal 6 (Improve Agriculture Systems and Raise Rural Prosperity), Goal 7 (Empower Inclusive, Productive and Resilient Cities) and Goal 8 (Curb Human-Induced Climate Change and Ensure Sustainable Energy), which will also have to be put into action in order to achieve development within planetary boundaries and fully secure biodiversity and ecosystems, as a consequence. This is something I consider in my comments (see infra).

2. Indicators for Goal 94

The SDSN draft report on the indicators for the post-2015 development agenda proposes, inter alia, the following indicators:

– for Target 9a: Ocean Health Index at the national level (more info here), Red List Index by country and major species group (here), Protected Areas Overlays with Biodiversity (here), Area of Forest Under Sustainable Forest Management as a Percent of Forest Area (here). More indicators that apply to Target 9a are covered under other Targets, i.e. Annual change in forest area and land under cultivation (Target 6b), while additional tools are left for countries to consider, such as with regard to the implementation of spatial planning strategies for coastal and marine areas or the use of destructive fishing techniques.

– for Target 9bOcean Health Index at the regional level, Red List Index for internationally traded species, Proportion of Fish Stocks Within Safe Biological Limits (see here), Protected Area Overlays with Biodiversity (regional and global); additional indicators for countries may include Abundance of Invasive Alien Species and Area of Coral Reef Ecosystems and Percentage Live Cover.

– for Target 9c: Proportion of Total Water Resources Used, Publication of Resource-Based Contracts, Access to Land in Rural Areas, Publication of All Payments Made to Governments Under Resource Contracts; additional indicators may include Improved Land Ownership and Governance of Forests.

As my main areas of interest currently lie within the Targets 9a-b, my observations are mostly concerned with indicators provided for those two.

3. Comments on Goal 9
3.1 Factoring habitat loss in 

Fig.2: Global urbanization and biodiversity hotspots, 2025. Orange dots are population in millions, light/dark blue patterns are biodiversity hotspots.
Fig.2: Global urbanization and biodiversity hotspots, 2025. (projected) Orange dots are population in millions, light/dark blue patterns are biodiversity hotspots. Source: UN & Conservation International 2012

Habitat loss, mostly caused by agricultural expansion, urbanization and infrastructure development, today accounts for the primary cause of species extinction and thus of biodiversity loss5. In order to secure ecosystem services it is then vital to simultaneously track down the drivers of habitat destruction; while Target 6b already provides for and indicator of the Annual Change in Forest Area and Land Under Cultivation, there is no mention in the report of the need to monitor urban expansion and other infrastructure development, with the former “occurring fast in areas adjacent to biodiversity hotspot and faster in low-elevation, biodiversity-rich coastal zones than in other areas”6, with more than 60 percent of the area projected to be urban in 2030 that has yet to be built7 and the latter also representing a foremost threat for habitats,  migratory species and genetic diversity.

Such an indicator (i.e. Annual Change in Wild and/or Protected Habitats and Land Under Urban and Infrastructure Development) could be made object of disaggregation at the regional and national level to better cope with different geographical and demographic contexts (i.e. infrastructure development in developing countries might in some cases call for a specific attention to balancing human rights such as access to electricity, water supplies, sanitation etc. and conservation considerations).

3.2 Fighting Wildlife Crime to Protect Biodiversity 

The goal of securing ecosystem services through the adoption of policies that address drivers of ecosystem degradation could require a parallel commitmment to protect biodiversity and wildlife per se, in order to be fully effective. Today, wildlife crime within the international trade of endangered species still represents one of the key drivers of biodiversity loss, as does legal overharvesting, with the two respectively believed to be worth $160bn and from $10 to 20bn dollars in 20108; adopting the Red List Index as an indicator, while necessary to monitor the species’ biological status, does not monitor the implementation of policies to safeguard or improve that same status as well.

The development of specific indicators could then provide a direct measure of the level of compliance that exists within the international community: as a suggestion, they might include the Volume of Funds (in the forms of international aid, fraction of national budget, or support provided for IGOs such as INTERPOL) utilized by governments to fight wildlife crime and implement international policies, the Annual Variation in Seizures of illegal biological material and the Number of Reported Cases of IUU Fishing in the High-Seas. In addition, as biodiversity hotspots in developing countries are often threatened by armed conflicts9, Goal 9 could ‘borrow’ the symmetrical indicator presented for Goal 1 (Refugees and internal displacement caused by conflict and violence) in the form of an indicator that measures Populations Negatively Affected by Civil War and other forms of violence.

3.3. Assessing environmental change on a warming planet

Fig.3: Per Cent of Live Corals. Source: CBD (2010) Global Biodiversity Outlook 3, adapted from Butchart et. al (2010) Science
Fig.3: Per Cent of Live Corals. Source: CBD (2010) Global Biodiversity Outlook 3, adapted from Butchart et. al (2010) Science

The contribution of climate change to biodiversity loss and ecosystem degradation is a matter of primary importance10, expected to threaten with extinction approximately one quarter or more of all species on land by the year 205011, yet almost impossible to quantify effectively, especially at the global level and on a limited timescale. Nonetheless, at the regional and national level, where impacts of warmer temperatures, changes in precipitation patterns etc. are usually heavily studied and monitored, the development of specific indicators could help better assess the relation between those two issues and determine the extent to which ecosystems get modified overtime.

As a suggestion, Shifts in Species Range and/or Trophic Level (with a special focus on keystone species and, in general, on target species for which higher-quality data and assessment methods exist) caused by modifications endured by the food web or by other forms of environmental change attributable to climatic variations (i.e. coral bleaching events, widespread mortality, effects upon shell-forming organisms12) alone or in conjunction with other drivers, could provide the basis for such and indicator13.

3.4. Monitoring sustainability in global fisheries

Fig.3: Proportion of Fish Stocks Within Safe Biological Limits. Source: FAO 2013
Fig.4: Proportion of Fish Stocks Within Safe Biological Limits. Source: FAO 2013

Indicator 83, which refers to the Proportion of Fish Stocks that are Within Safe Biological Limits, could be integrated through an evaluation of the Proportion of Fish Captures (out of the amount of total catches) that come from Sustainably Managed Stocks and/or Stocks that are Within Safe Biological Limits, to monitor the impact of sustainable practices/fisheries on global fisheries production (and not just biological status by itself). Additional indicators on the subject could include the Temporal Variation in Capacity-Enhancing Subsidies (that is, public subsidies of all forms that enhance vessels’  capacity to catch fish) destined to the fisheries sector, which amounted to 20bn dollars in 200914, a measurement of the Decline of Keystone Species caused by overfishing (also a cause of ecosystems degradation) and the Proportion of Seafood Converted into Fishmeal for Aquaculture out of global catches. The last indicator could be particularly needed in the future, as the worldwide increase in the production of carnivorous species has determined an increased use of fishmeal, fish oil and low-value fish in aquaculture15 which in turn results in increased pressure on targeted stocks and entails a net-loss in the amount of seafood available for human consumption.

It is to be noted that the portion of capture fisheries used to produce fishmeal will be about 17 percent by 202116, declining by 6 percent compared with the 2009–2011 average owing to the growing demand for fish for human consumption. However, in 2021 fishmeal production should be 15 percent higher compared with the 2009–2011 average16 (though almost 87 percent of the increase will derive from improved use of fish waste), a rise which causes further concerns on the sustainability of a supply chain that is already facing a dramatic decline of global fish stocks.

*****

On March 14, Thematic Group 8 of the SDSN (Forests, Oceans, Biodiversity, and Ecosystem Services) has launched a public consultation on its first draft report. The deadline has been set for April 14; you can find out more and read the current version here.

_______________

* Targets marked need to be specified at country or sub-national level
1 SDSN Leadership Council (2013) An Action Agenda for Sustainable Development; p.31
2 SDSN Leadership Council, ibid.; p.21
3 See the Millennium Ecosystem Assessment for more details
4 SDSN Leadership Council (2014) Indicators for SDGs draft report; pp. 110-121
5 Millennium Ecosystem Assessment (2005) Ecosystems and Human Well Being: The Biodiversity Synthesis (World Resources Institute, Washington DC); p.10
6 Elmqvist et al. (eds.) (2013) Urbanization, Biodiversity and Ecosystem Services: Challenges and Opportunities: A Global Assessment; p.2
7 Elmqvist et al. (eds.) (2013) ibid.; p.410
8 cited by Gillespie (2011) Conservation, Biodiversity and International Law (Edward Elgar Publishing Ltd.); p.196
9 Hanson et al. (2009) Warfare in Biodiversity Hotspots (Conservation Biology. Vol 23, Issue 3); pp.578-587
10 for a general overview see CBD (2010) Global Biodiversity Outlook 3; pp.8-13
11 Malcolm et al. (2006) Global Warming and Extinctions of Endemic Species from Biodiversity Hotspots (Conserv Biol. Vol 20, Issue 2); pp.538–548
12 IPCC (2007) Climate Change 2007: Impacts, Adaptation and Vulnerability (Cambridge University Press)
13 For an example of linkages between climate change and alteration in the food web, see Bond and Lavers (2014) Climate change alters the trophic niche of a declining apex marine predator (Glob Change Biol, unedited)
14 Sumaila et al. (2010) A bottom-up re-estimation of global fisheries subsidies (Journal of Bioeconomics 12); pp.201-225
15 Rana et al. (2009) Impact of rising feed prices on aquafeeds and aquaculture production (FAO Fisheries and Aquaculture Technical Paper No. 541. Rome, FAO)
16 FAO (2012) The State of World Fisheries and Aquaculture 2012; p.189

3-5 Luglio #MEDSOL13

1

 

In qualità di coordinatore di Greening USiena sono felice di comunicare che dal 3 al 5 Luglio, durante la conferenza internazionale ‘Sustainable Development Solutions for the Mediterranean Region‘, organizzata dall’Università degli Studi di Siena nell’ambito nel network MED Solutions e del UN SDSN (e che vedrà la partecipazione, tra gli altri, di Jeffrey D. Sachs, Laurence Tubiana, Maria Chiara Carrozza, Corrado Clini, Martin Visbeck e Paul Holthus), il nostro gruppo seguirà per conto del quotidiano di informazione online Rinnovabili.it la diretta twitter dell’evento. Colgo l’occasione per ringraziare il direttore della testata Mauro Spagnolo per l’opportunità concessaci, nonché il Rettore Angelo Riccaboni per la stima dimostrataci ed invito tutti a seguirci sul profilo twitter @rinnovabiliit ed a partecipare al dibattito utilizzando l’hashtag ufficiale #MEDSOL13!

Per saperne di più, visitate il sito ufficiale di MED Solutions http://www.medsolutions.unisi.it.

Un altro anno in debito (ecologico)

Nelle culture e nelle tradizioni di tutto il mondo è presente almeno la memoria di un rito di passaggio collettivo, di un’occasione durante la quale ognuno è chiamato a liberarsi del proprio passato, dei propri errori, delle proprie sofferenze, per inaugurare un SEFAnuovo ciclo della vita e partire, per l’ennesima volta, da zero. Anche nella nostra, più modesta (e forse meno attenta al valore della simbologia) società tecnologica, alla fine di ogni anno molti di noi puntualmente descrivono quello appena trascorso come il peggiore possibile, ed in una sorta di catarsi a mezzo social network si augurano che il successivo sia foriero di soddisfazioni ed appagamento. Ebbene, purtroppo un augurio del genere non può riguardare ciò che abbiamo fatto e continuiamo a fare al nostro pianeta ed alle specie che lo abitano (compresa quella umana), pena il rischio ch’esso suoni ingenuo o, piuttosto, proferito in malafede. Infatti, l’idea che ogni anno si rivelerà più disastroso rispetto al precedente, con riguardo all’impatto della nostra civiltà sull’ambiente, si concretizza ormai in una macabra certezza. E’ quello che è avvenuto con il 2012, il quale, mentre veniva dichiarato dall’ONU ‘International Year of Sustainable Energy for All‘ ha assistito alla pianificazione di oltre 1000 nuove centrali a carbone ed all’inizio delle pericolosissime trivellazioni petrolifere nell’Artico. I dati del Global Carbon Projecthanno rivelato che nei 12 mesi appena trascorsi le emissioni globali di diossido di carbonio hanno raggiunto il nuovo record di 36 miliardi e mezzo di tonnellate; nel frattempo, sono state diffuse le cifre sui livelli di gas serra nell’atmosfera, che hanno toccato le 390.9 parti per milione (un altro record) nel 2011, con un incremento del 30% dal 1990, e tutto questo mentre la COP18 riunita a Doha riusciva a malapena ad estendere (e solo a pochi paesi) il minimale Protocollo di Kyoto in scadenza. Nel 2012 gli Stati Uniti si sono trovati ad affrontare uno dei peggiori periodi di siccità degli ultimi decenni, uno stillicidio ancora in corso quando su New York si è abbattuto un uragano Sandy la cui violenza, secondo gli esperti, èArctic Drilling stata in gran parte esaltata dai cambiamenti climatici in atto. Allagamenti disastrosi si sono verificati in tutto il mondo, dalla nostra Italia all’Asia, e contemporaneamente la perdita della biodiversità non ha conosciuto battute di arresto. L’Earth Overshoot Day, il giorno approssimativo in cui vengono esaurite le risorse che il pianeta è in grado di generare ogni anno e la nostra civiltà inizia a vivere in debito ecologico, si è verificato per la prima volta il 22 di Agosto (nel 1992 era il 21 di Ottobre). Decine, infine, sono stati i report con cui le Nazioni Unite ed altri organismi internazionali hanno messo in guardia dalle crisi in atto e da quelle future, rivelando un trend negativo di durata ormai ultra-trentennale.

Ad un simile parabola discendente non si sottrarrà il 2013, considerata la natura irreversibile di molti processi in atto e l’inerzia di troppi di quelli che sono attori chiave sulla scena internazionale. Per quanto, a livello individuale, io apprezzi quel concetto filosofico per cui si deve vivere nel presente (il solo momento che possiamo influenzare con le nostre azioni), di certo una simile massima non potrà adattarsi alle devastazioni ambientali e sociali delle quali siamo spettatori, devastazioni che sono frutto di un processo continuo, il quale si distende senza sosta in ogni tempo ed in ogni luogo e non potrà subire un’inversione di tendenza se non tra diversi anni e dopo molti e grandi sforzi, che per la verità tardano ad arrivare.

Di certo, molta fiducia non l’hanno ispirata le stesse Nazioni Unite (termine con il quale si vogliono intendere i paesi del mondo da esse rappresentati), completamente chiuse al dialogo reciproco e spesso in apparenza sorde di fronte all’evidenza che quell’economia che i loro capi di governo si ostinano a cercare di rivitalizzare utilizzando le solite, vecchie categorie della crescita eAssemblea ONUdello sviluppo indiscriminato, va in realtà ripensata ed adeguata a necessità di giustizia ambientale e sociale ormai impellenti. Se a questo aggiungiamo la patologica, scarsa trasparenza delle pubbliche amministrazioni e dell’imprenditoria multinazionale, nonché la -ancora- troppo poco diffusa consapevolezza da parte della pubblica opinione dei paesi occidentali, il quadro appare decisamente fosco, anche per il prossimo futuro. Del resto, una ricerca del 2012 ha confermato che già 40,000 anni fa i nostri antenati australiani cacciavano i grandi vertebrati fino all’estinzione: un dato poco edificante, che impone un vero e proprio cambiamento epocale, antropologico nel rapporto tra la specie umana e la natura, se vogliamo avere la speranza di evitare un collasso biologico assoluto e definitivo. In questo quadro nerissimo, e pur nella certezza che il 2013 che ci aspetta non farà eccezione rispetto a tali, tremende aspettative, continueranno ad esserci persone, organizzazioni nazionali ed internazionali, gruppi di ricerca, che si batteranno perché l’agenda della politica mondiale possa mettere sempre più al centro i temi ambientali. Magari questo sforzo non potrà avere un effetto benefico sul breve periodo, ma di certo senza un impegno costante non avrebbe senso neppure discutere di cambiamenti così decisivi e improcrastinabili, cambiamenti fondamentali tanto per gli ecosistemi del pianeta quanto per la stessa struttura economica e sociale della civiltà contemporanea.

Arriviamo così al secondo punto di questa analisi. L’economista Jeffrey Sachs, a capo del progetto UNSDSN cui Greening USiena partecipa attraverso il nostro ateneo, ha recentemente affermato che povertà e questioni ambientali sono aspetti inscindibili di uno stesso problema ‘mondo’, legati tra di loro ed affatto in antitesi, come forse fino a qualche anno fa si sarebbe potuto pensare.Peru Indigenous People Secondo la gran parte degli studiosi, inoltre, cercare di risolvere la crisi del clima, quella della biodiversità, quella dell’inquinamento, implica oggi necessariamente il porsi in una nuova ottica nei confronti dell’attuale modello di sviluppo sociale ed economico; allo stesso tempo, è chiaro che solo attraverso una diversa, alternativa struttura della società, della politica e dell’economia si possono affrontare le sfide ambientali di questo secolo. Per tali ragioni, non c’è a mio avviso miglior modo di augurare un felice 2013 agli studenti di Greening USiena, alla comunità universitaria ed a tutti gli altri (si spera interessati) lettori, che quello di ricordare come il tema della sostenibilità sia contemporaneamente intriso di aspetti giuridici, sociologici, scientifici, tecnologici, economici ed anche filosofici ed antropologici. Di fatto, la stessa nascita del nostro network ha avuto come stella polare il concetto di interdisciplinarietà. Abbiamo così scelto di salutare i prossimi 365 giorni elencando le cosiddette ‘international observances’, ovvero i ‘titoli’ che, spesso sotto l’egida delle Nazioni Unite, vengono assegnati ad ogni nuovo anno. Queste ricorrenze testimoniano nella maniera più chiara la natura ‘ibrida’ delle problematiche che affliggono il nostro pianeta, e meritano di essere ricordate affinché non si perda mai la cognizione del sottile nesso che unisce tutela degli habitat selvaggi, diritti delle popolazioni indigene e delle minoranze, necessità di uno sviluppo locale ‘autosostenibile’ e della nascita di una nuova coscienza di luogo (per dirla con le parole di Alberto Magnaghi), modelli di consumo e di produzione, biodiversità, diritti dell’ambiente e degli animali, soluzioni alternative alla cementificazione del territorio, tecniche ingegneristiche e architettoniche innovative, cambiamenti nelle politiche economiche e sociali dei governi.

Il 2013, in primo luogo, è stato nominato dalle Nazioni Unite ‘International Year of Water Cooperation‘. Sappiamo tutti quanto2013logo_enl’acqua sia (non a caso) considerata elemento base della società, tanto di quella naturale come di quella umana: secondo la stessa ONU, entro il 2030 il mondo avrà bisogno del 30% di acqua in più per far fronte ai bisogni di una crescente popolazione, e il tempo per assicurare un simile approvvigionamento si assottiglia ogni giorno che passa. In quest’ottica, è concepibile un modello di sviluppo che fa delle risorse idriche alternativamente una materia liberamente appropriabile da parte del capitale ed una discarica? Questo ‘Anno per la Cooperazione sull’Acqua’ rappresenterà certamente un utile spunto di discussione in merito, ma purtroppo potremmo aspettarci poche azioni concrete a livello internazionale: è auspicabile allora che un ruolo guida venga assunto dalle comunità locali, in una tensione continua verso la riappropriazione dei beni comuni e la loro gestione in una prospettiva di sostenibilità.

Non meno importante sarà la ricorrenza dell’Anno Internazionale della Quinoa, ricorrenza proposta dalla Bolivia e supportata dalla FAO, con l’obiettivo di riconoscere dignità e rispetto alle popolazioni indigene della zona delle Ande, le quali hanno mantenuto,Quinoa controllato, protetto e preservato la quinoa come alimento per le presenti e future generazioni, grazie alle loro conoscenze tradizionali ed alle loro pratiche di vita improntate al rispetto della terra e della natura. E’ qui che nasce il filo rosso, quel concetto per cui cibo vuol dire comunità, vuol dire ambiente, vuol dire nuovo riconoscimento di un modello di vita diverso, fieramente non improntato a logiche di globalizzazione o di mercato.

Il 2013 farà infine parte di più di una decade riconosciuta su scala globale: da quella 2005-2014 per i Popoli Indigeni del Mondo a quella denominata Water for Life (2005-2015), dalla Decade per l’Educazione allo Sviluppo Sostenibile (ancora 2005-2014) a quella per i Deserti e la Lotta alla Desertificazione (2010-2020), dalla Terza Decade per lo Sradicamento del Colonialismo (2011-2020) a quella delle Nazioni Unite per la Biodiversità, biodiversità Decade logoche, laddove l’acqua rappresenta la base della vita, si configura invece come la struttura più intima ed essenziale della stessa, l’equilibrio delicato e fondamentale del mondo. Tutte queste tematiche meritano certamente di essere approfondite in altra sede e con più calma, ma in conclusione mi sento di dire una cosa: per quanto la proclamazione di simili ricorrenze lasci spesso il tempo che trova a livello internazionale, sta comunque a noi, come pubblica opinione e come singoli, il compito di far sì che esse non divengano un vuoto elenco, ma almeno un’occasione di confronto, di crescita, e di azione. Mi auguro che tale tortuoso ma necessario percorso inizi anche presso la comunità universitaria di Siena, e che un ruolo guida in questa sfida sia assunto dal nostro network e dai progetti che porteremo avanti con l’aiuto di tutti voi. Felice anno nuovo.

Dario Piselli, coordinatore

Greening USiena invita gli studenti

Approfittiamo dello iato natalizio nell’attività universitaria per riprendere un concetto che ci sta molto a cuore, espresso nella nostra quinta newsletter e riguardante la partecipazione degli studenti alle prime, fondamentali iniziative di Greening USiena.

Come infatti avrete notato, in qualità di coordinatore ho deciso di aprire e pubblicare questo sito web, nonostante mi World Student Environmental Summitfossi ripromesso di attendere fino al primo incontro del network (che, è confermato, sarà organizzato nella seconda metà di Gennaio). Ho fatto questa scelta perché credo che non potessimo perdere l’inerzia del progetto, e dovessimo perciò continuare a proporci in maniera attiva e costante verso l’esterno, attraendo in questo modo un sempre maggior bacino di supporto e di partecipazione ed evitando di essere costretti a contare su una ‘promozione’ fatta direttamente dall’Università. La scelta è caduta sulla piattaforma WordPress, e mi sembra che il risultato sia al momento molto soddisfacente; in ogni caso, presto registreremo un dominio esclusivo (probabilmente saràgreeningusiena.org) ed arricchiremo ulteriormente la pagina di contenuti e di programmi. In quest’ottica, ed arrivo quindi al punto, vi invito davvero a non attendere il meeting di Gennaio ed a farmi sapere fin da subito il vostro parere, inviandomi magari anche post, opinioni, articoli da voi scritti che provvederò subito a pubblicare. Solo così potremo arginare gli spiacevoli inconvenienti derivanti dalla momentanea mancanza di una vera e propria struttura organizzativa, ed iniziare già da adesso ad operare con la collaborazione di tutti.

Sempre sullo stesso argomento e con la stessa finalità, spero che vogliate darci una mano per il lancio ufficiale di Gennaio: io e il co-coordinatore Rino Bisconti abbiamo molte idee per una perfetta riuscita dell’evento, ma i contributi, come sapete, non sono maiWSES Workshop troppi. Di conseguenza, qualora alcuni di voi ci fornissero la propria disponibilità via mail, fisseremo un incontro preliminare in cui discuteremo con i presenti riguardo agli aspetti organizzativi ed opereremo una suddivisione dei relativi compiti. In definitiva, ci aspettiamo una vostra convinta partecipazione al percorso che abbiamo creato: credo, da coordinatore, che Greening USiena possa essere un bene comune ed un valore aggiunto per il nostro ateneo e per i suoi studenti, per cui sarà compito e fonte di soddisfazione per tutti (ovviamente in compatibilità con i propri impegni) esserne parte attiva.

Insomma, molto è stato fatto e molto c’è ancora da fare, ma noi non ci fermiamo neppure per un attimo e speriamo che anche voi contribuirete. Chiudo invitandovi, come sempre, a parlare di Greening USiena con i vostri amici: abbiamo bisogno del più ampio supporto possibile!

Dario Piselli, Coordinatore

P.S. Colgo l’occasione per parlarvi delle ultime novità relative al progetto UNSDSN, nel cui ambito, come ho scritto più volte, ci stiamo ritagliando un importante spazio: dal momento che verrà riservato al nostro network il compito di organizzare la parte ‘studentesca’ della conferenza internazionale che si terrà a Siena nel Giugno 2013, abbiamo trovato l’accordo con Claudio Balestri della Fondazione MPS per costruire un tool elettronico (sul modello di questo, riservato ai docenti universitari:http://web.economia.unisi.it/limesurvey/index.php?sid=36925&newtest=Y) che consenta agli studenti (di qualsiasi Università, italiana ed europea) che vorranno partecipare di inviare le loro proposte e soluzioni relative a 12 macro-argomenti riguardanti lo sviluppo sostenibile. Noi di Greening USiena voteremo poi le idee migliori e attorno a queste organizzeremo l’evento di cui sopra. Per avere ulteriori informazioni, l’indirizzo è sempre lo stesso, greeningusiena@unisi.it!

Editoriale: un’opportunità per USiena

Presso l’Università degli Studi di Siena sta nascendo Greening USiena, un network fatto da studenti e pensato per studenti che vuole riunire tutti coloro che sono interessati ai temi dell’ecologia, della sostenibilità, della tutela della biodiversità.

In questi mesi il nostro ateneo ha abbracciato la sfida della sostenibilità ambientale, sociale ed economica, rendendola un vero e proprio pilastro della propria azione, nonché un obiettivo ed un parametro imprescindibile per il futuro delle attività di ricerca e Logo USiena Sostenibilitàdi insegnamento. Così facendo, a nostro parere, è riuscita ad acquisire un ruolo internazionale di grande fascino e ad adottare nel contempo una prospettiva di innovazione che ci rende orgogliosi ma che deve anche responsabilizzarci. La recente notizia dell’ingresso del rettore Riccaboni nel board del network UNSDSN, lanciato dalle Nazioni Unite con l’obiettivo di individuare soluzioni concrete alle questioni globali più pressanti di questo secolo attraverso il contributo di università, centri di ricerca e aziende, insieme all’individuazione dell’Università di Siena come centro di coordinamento del progetto per l’intera area del Mediterraneo, rappresentano infatti un invito che pensiamo di dover raccogliere. Non ci sembrava ragionevole, in altre parole, che ad una ispirazione così forte, così importante per tutta la comunità universitaria e per il suo futuro, non dovesse corrispondere la diffusione di un clima culturale altrettanto consapevole e propositivo tra gli studenti. Troppo spesso, nella nostra opinione, si è portati a vivere l’esperienza degli studi sentendosi sradicati da ogni forma di utile attività o impegno, o viceversa a votarsi alla polemica politica ed alle bandiere partitiche. Quello che manca, nei nostri atenei, è un associazionismo che abbia a cuore le problematiche concrete della nostra società, un associazionismo che sia preparato, deciso e attivo nella promozione di iniziative e progetti che abbiano un reale impatto a livello locale, nazionale e possibilmente anche internazionale, in un’ottica a-politica ma con un’idea molto chiara di Politica.

Abbiamo così deciso di creare Greening USiena, un network studentesco che non si preoccupi solamente di diffondere consapevolezza e conoscenza ambientale tra gli iscritti o di sostenere interventi per la riduzione dell’impronta ecologica delle strutture dell’ateneo, maUniversità di Siena che si ponga altresì l’obiettivo di interagirecon i docenti, con il personale tecnico amministrativo e con le altre realtà italiane, europee e mondiali per la gestione e l’organizzazione di attività ed eventi comuni in materia di sostenibilità. In definitiva, potremo portare avanti progetti autonomi e nello stesso tempo creare uno spazio di partecipazione studentesca all’interno degli impegni istituzionali della nostra Università (in primis il già citato, interessantissimo percorso delineato dal UNSDSN).

Avete intenzione di proseguire gli studi nel campo delle tematiche ambientali e volete iniziare a confrontarvi con questo impegno stimolante, legato a questioni di fondamentale importanza per il futuro del pianeta? Siete curiosi di conoscerci meglio o comunque volete saperne di più? Per avere ulteriori informazioni su tutto questo (e su molto altro, compresa la nostra partecipazione al World Student Environmental Network), inviateci una mail al nostro indirizzo oppure seguiteci su Facebook, Twitter e su questo sito. Greening USiena sta nascendo, e vorremmo che più studenti possibile raccogliessero la sfida di farne parte.

Dario Piselli, Coordinatore