Greening USiena e la Programmazione Triennale dell’Università degli Studi di Siena

10007514_424970114314902_166128786_nNell’ambito della programmazione triennale che gli atenei italiani sono tenute a presentare periodicamente al MIUR, l’Università degli Studi di Siena ha deciso di perseguire alcune linee di indirizzo, comprendenti una particolare attenzione ai temi dello sviluppo sostenibile. Il network di cui sono coordinatore ha partecipato alla discussione aperta dal Rettore Angelo Riccaboni, sottoponendo agli uffici competenti due progetti da condividere (l’uno relativo all’istituzione di un Sustainability Office, l’altro alla creazione di una Biblioteca Online dello Sviluppo Sostenibile) e contestualmente redigendo “Una Visione Strategica di Sostenibilità @UniSiena“, elenco di proposte concrete che speriamo di implementare e/o far implementare nel tempo con la collaborazione di tutti i soggetti operanti all’interno dell’Università stessa.

A questo link potete trovare il nostro documento: http://goo.gl/VaDrg3

Sostenibilità e Università: il nuovo insegnamento @USiena

Ho parlato spesso qui sul blog e durante le attività di Greening USiena del nesso inscindibile che lega educazione superiore e sostenibilità. In occasione del lancio del nuovo insegnamento trasversale dell’Università degli Studi di Siena, ho affrontato il tema per Rinnovabili.it e TXT Young.

Per ulteriori info e per iscriversi, vi rimando al sito del DSFTA dell’Università degli Studi di Siena e/o alla pagina dedicata su UniSi.it.

Greening USiena alla University of Gloucestershire

[post tratto dal sito greeningusiena.org]

5914885569_cb40e39979_b

Premessa: Approfittiamo di questo post per augurare un felice anno nuovo a tutti gli studenti ed a coloro che ci seguono su internet; in questo 2014, la nostra attività continuerà senza sosta, con molti appuntamenti interessanti già in via di definizione, attraverso i quali speriamo di consolidare la presenza del network all’interno dell’ateneo senese. A presto!

sml-ca-confE’ con grande piacere che Greening USiena annuncia la partecipazione del suo coordinatore Dario Piselli alla prossima conferenza della Copernicus Alliance (European Network of Higher Education on Sustainable Development), in qualità di rappresentante dell’Università degli Studi di Siena e, ovviamente, del network. “Leadership in a Changing World: Higher education, sustainability and the new Global Action Programme on ESD”, questo il titolo della conferenza, avrà come temi principali i programmi di azione globali, il cambiamento istituzionale ed il ruolo egli studenti visti come basi per il perseguimento di uno sviluppo sostenibile, e si terrà presso la University of Gloucestershire (precisamente, nel campus di Cheltenham), nel Regno Unito, i prossimi 10 e 11 gennaio.

L’intervento di Dario si focalizzerà sul ruolo dell’Università di Siena quale coordinatrice del network MED Solutions e sulle prospettive che tale progetto può aprire per quanto riguarda la collaborazione tra istituti di higher education e di ricerca sulle sfide della sostenibilità, ma sottolineerà anche l’importanza di una leadership degli studenti in questo ambito, prendendo spunto dall’esperienza di Greening USiena e confrontandosi con altri percorsi simili che saranno presentati durante l’evento.

Non possiamo che concludere dicendoci ancora onorati dell’opportunità che ci è stata concessa dagli organizzatori della conferenza e dal nostro ateneo, ed informandovi che vi terremo aggiornati sullo svolgimento della due giorni di Cheltenham.

Partecipazione alla CA Conference del 10-11 Gennaio

Attivato il nuovo insegnamento di sostenibilità @USiena

f90840f0541611e39b900af777b4d6b3_8In qualità di coordinatore di Greening USiena, ho provveduto ad anticiparlo più volte, sia parlandone sulle nostre pagine, sia presentandolo ufficialmente agli studenti durante la manifestazione Are U #AWARE? che abbiamo organizzato dal 19 al 23 novembre scorsi: dal secondo semestre di questo anno accademico 2013/2014, anche grazie all’interesse mostrato dal nostro network verso il progetto, l’Università degli Studi di Siena offrirà l’opportunità di frequentare (conseguendo 6 cfu nell’ambito dei crediti a scelta dello studente), qualunque sia il Dipartimento di riferimento, un insegnamento interdisciplinare di “Sostenibilità“, collegato al corso di Ecotossicologia e Sostenibilità ambientale, il cui responsabile sarà il prof. Simone Bastianoni.

Da oggi c’è anche l’ufficialità, e soprattutto sono state rese note le modalità con cui inserire l’insegnamento stesso nel proprio piano di studi. Ecco il comunicato pubblicato sul sito dell’ateneo:

“L’Università di Siena ha fra le sue priorità gli argomenti legati alla sostenibilità. Questa attenzione ci ha anche consentito di ottenere il prestigioso incarico di coordinatori per l’area del Mediterraneo del progetto Sustainable Development Solutions Network, promosso direttamente dall’ONU attraverso il Segretario generale Ban Ki Moon, e guidato dall’economista della Columbia University Jeffrey Sachs. È quindi auspicabile che, indipendentemente dal corso di studio al quale sono iscritti, gli studenti dell’Università di Siena possano acquisire una preparazione sul tema, diventando punti di riferimento per i loro omologhi dell’area mediterranea.

In questa prospettiva, per l’anno accademico 2013-2014 è stato attivato un nuovo insegnamento chiamato Sostenibilità, collegato al corso di studi Ecotossicologia e Sostenibilità ambientale. L’obiettivo è quello di consentire agli studenti interessati di inserire nel piano di studio, come crediti a scelta (sigla: TAF D), questo insegnamento dai contenuti trasversali.  Gli argomenti connessi alla sostenibilità sono infatti rilevanti per qualsiasi disciplina.

Il nuovo insegnamento, che si terrà nel secondo semestre, ha come punto di forza latransdisciplinarietà dell’approccio, raggiunta attraverso seminari mirati che affrontano i diversi aspetti (ambientali, economici, giuridici, energetici, urbanistici, sociologici) necessari all’esplorazione di un tema così complesso.”

Per quanto riguarda i dettagli di questa offerta didattica che, come sottolineato anche sul sito dell’ateneo, è assolutamente innovativa nel sistema universitario italiano, vi invito dunque a visitare la pagina http://www.unisi.it/ateneo/insegnamento-sostenibilita, augurandomi un grande successo in termini di numero di iscritti ma soprattutto di interesse verso l’approfondimento di un tema così importante (non solo in termini generali, ma anche come campo in cui proseguire il proprio percorso di studi o la propria carriera professionale).

Chiudo ricordando il lodevole impegno di tutti coloro che si sono spesi perché questo risultato, a prima vista così proibitivo dal punto di vista logistico, andasse in porto, dal Rettore ai docenti direttamente interessati, passando per i Comitati per la Didattica, l’ufficio online e, mi sia consentita la battuta, anche Greening USiena.

Il resoconto di “Are U #AWARE?”

Senzanom

Fin dalla sua nascita, il network studentesco Greening USiena ha inteso sottolineare il ruolo fondamentale che l’Università, ed in generale la conoscenza accademica, dovrebbero giocare nella formazione di una generazione di giovani sempre più consapevoli della grande importanza delle sfide globali relative al tema della sostenibilità ma soprattutto dotati degli strumenti necessari ad influire positivamente sulla complessa realtà ambientale e sociale che li circonda.

Per questo siamo stati particolarmente felici di organizzare Are U #AWARE?, manifestazione che dal 19 al 23 novembre ha coinvolto diverse sedi del nostro ateneo in seminari, proiezioni di documentari, laboratori pratici e mostre, con l’obiettivo di continuare a diffondere all’interno della cittadinanza universitaria i summenzionati concetti di consapevolezza e di sostenibilità, e di mostrare quanto il tema dello sviluppo sostenibile sia interdisciplinare e composito, al punto da essere in grado di coinvolgere studenti provenienti da praticamente tutti i Dipartimenti dell’Università di Siena e di unire l’ambito scientifico, gli aspetti culturali e le buone pratiche individuali in un solo, onnicomprensivo approccio alle problematiche che affliggono il nostro pianeta.

La serie di iniziative, nata nell’ambito della Settimana UNESCO per l’Educazione allo Sviluppo Sostenibile 2013 417043b4547711e3869d0edc48bc0135_8ed organizzata grazie al prezioso supporto di un gran numero di partners, sia interni che esterni all’ateneo, che ovviamente ringraziamo con piacere (e l’elenco dei quali potete trovare qui: http://goo.gl/PCa2td), è partita il giorno 19 con un incontro pubblico dedicato al United Nations Sustainable Development Solutions Network, il progetto delle Nazioni Unite di cui il nostro ateneo è coordinatore per l’area del Mediterraneo, nel quale il rettore ha presentato lo stato di avanzamento delle iniziative intraprese e cercato il coinvolgimento di un numero ancora maggiore di docenti e studenti, e si è conclusa nel pomeriggio del 23 con l’inaugurazione, presso l’Orto Botanico di Siena, della mostra fotografica “Biodiversità floristica in terra di Siena” di Gianmaria Bonari ed una degustazione offerta da Consorzio Agrario di Siena e Bottega di Stigliano; in mezzo, tre laboratori di riciclo realizzati in collaborazione con l’Associazione culturale Gira e Ricicla, una visita alla mostra di scultura 37778424541a11e38fee0eec16a001d9_8‘Fitosintesi’ insieme all’artista Andrea Fagioli, la proiezione dell’interessante documentario ‘Surviving Progress‘, ed ancora un seminario organizzato dalla Siena School for Liberal Arts che ha esplorato il rapporto tra antropologia, territorio e ‘costruzione’ di un prodotto tipico ed un incontro con Gianluca Breghi (Fondazione Sclavo) e gli studenti internazionali del Master of Vaccinology Novartis, nel quale si è affrontato, tramite voci provenienti da diversi paesi del mondo (Sri Lanka, Panama, Filippine, Congo), il tema della relazione tra lotta alle malattie, povertà e sviluppo sostenibile.

Infine, ed è per noi un particolare motivo di orgoglio, il 22 novembre è stato presentato dal suo responsabile il prof. Bastianoni, presso l’Aula Magna Storica del Rettorato, il nuovo insegnamento di ‘sostenibilità’, che da questo anno f90840f0541611e39b900af777b4d6b3_8accademico (si terrà nel secondo semestre) sarà possibile frequentare ed inserire nei piani di studio di quasi tutti i corsi di laurea tra i propri crediti a scelta (taf D). Suddetto insegnamento, che fornirà allo studente 6 CFU e sarà articolato in 48 ore di corso divise in 24 seminari, rappresenta una grande innovazione per il sistema universitario italiano e non possiamo che sperare sia il primo passo verso una presenza ancora più massiccia del tema dello sviluppo sostenibile nell’offerta didattica di ateneo: il suo grande punto di forza, mutuato da esperienze estere ormai diffuse, sarà proprio l’interdisciplinarietà dell’approccio, che metterà insieme aspetti economici, giuridici, scientifici, urbanistici, sociologici per fornire agli studenti (ma anche a membri di ordini professionali e privati cittadini) una base introduttiva ma solida sui temi in oggetto, che possa stimolare l’interesse verso un approfondimento accademico ulteriore e proseguire il percorso dell’Università verso un sempre maggiore impegno sul versante della sostenibilità.

Il bilancio della settimana, inutile sottolinearlo, è stato molto positivo, ma quello che ci preme particolarmente evidenziare è il fatto che, ad un anno esatto dalla nascita di Greening USiena, l’Università degli Studi di Siena stia diventando sempre più un riferimento locale, nazionale ed internazionale su questi temi, grazie al lavoro costante di una pluralità di soggetti (docenti, personale tecnico amministrativo, studenti) che dimostrano la presenza di competenze interne che è necessario continuare a sfruttare e valorizzare. In quest’ottica, è particolarmente importante per i giovani avere l’opportunità di essere parte di una simile esperienza, sia a livello di crescita personale che a livello di formazione professionale, e noi continueremo ad impegnarci perché ciò sia possibile.

Dario Piselli
Coordinatore Greening USiena

Per le foto dell’evento, clicca qui
Per i tweet dell’evento, cerca #USienAware