Forests are about more than survival

by Dario Piselli, Greening USiena coordinator

I am sorry for the late timing, but I thought some words were needed to address the firstInternational Day of Forests and the IDF_poster_ENTree, which was held yesterday after a UN December resolution declared that 21 March of every year was to observed as an occasion to “celebrate and raise awareness of the importance of all types of forests and trees outside forests“. Apart from the consideration that international occurrences may or may not be pivotal in achieving the goals they are concerned with, depending on countries’ willingness to commit to tackling the issues that have been raised, it should not be unfair to say that the recognition of the value of forest ecosystems and the services that they provide brings up one the biggest and most evocative challenges the human race and the planet are facing today. Forests are not only the core of the earth’s biosphere and the cornerstone of life, functioning as soil conservers, climate change regulators, primary producers, hydrologic flow modulators, habitats for wild species and holders of about 90% of the world’s terrestrial biodiversity; in fact, their history is inextricably linked to mankind’s one, and mankind’s biological (but also anthropological) evolution has developed in strong connection with them. On one hand, forests still host roughly 2,000 indigenous cultures which deserve respect and the right to be held keepers of their environment (not to mention the need for us to leave them alone, recognizing their will for an autonomous model of development, that be really their own); on the other, they have accompanied human progress throughout time, providing man with a (seemingly) never ending source of food, building materials, heating sources, shelter and a (truly) never ending source of thought and mysterious fascination.

This is what strikes me the most about forests. Nearly everything that could have been said on the ecological, social and economical crisis that we may expect if we keep on destroying these ecosystems for livestock breeding, indiscriminate agriculture, paper, timber and so on is contained in the brilliant message that UN Secretary-General Ban Ki-Moon has delivered yesterday (and that can be read here). But there is much more than that. There is, at least in me (and I hope in many), a deep sense of belonging, even though I never lived within close range of a ‘forest’; there is a sense of moral connection, of our shared place ‘in the family of things’, as Mary Oliver once put it; there is, finally, a sense of mutual relationship which has helped (and continues to) shape the world and our very same spirit, in the meantime.

This is especially evident in those indigenous cultures, to which I pointed earlier, that have retained and nurtured their likeness to the nature that surrounds them: without trees and forests, they simply wouldn’t exist, and not just because they would-Yasuni-National-Park-in--001 have developed another type of civilization, but especially because they would have lost their identity. However, it is not exclusive of them. Through the centuries, there have been men who have worshipped forests and protected them, by words or by action, from destruction; and they have done so for more than their beauty, and surely for more than that (sometimes) emotionless adhesion people express for a cause which is being put forward by an NGO they donate to. What these men (think of John Muir, for instance) pursued was not the somehow egoistic goal of defending their primary mean of survival and existence (and that especially because in the nineteenth century no one could even imagine mankind facing the global challenges we need to address today); what they pursued was the recognition of us and the forests being part of the common tissue of life, a tissue which encompasses a ‘give and take’ mentality (and not a ‘Giving Tree’ mentality) but which also goes beyond physical interactions to penetrate the very heart of human history on this planet earth, and they did so because they understood that “in wildness is the preservation of the world”.

(from The Maine Woods, Chesuncook – by Henry David Thoreau)

john_muir_washington_column“Strange that so few ever come to the woods to see how the pine lives and grows and spires, lifting its evergreen arms to the light, — to see its perfect success; but most are content to behold it in the shape of many broad boards brought to market, and deem that its true success! But the pine is no more lumber than man is, and to be made into boards and houses is no more its true and highest use than the truest use of a man is to be cut down and made into manure. There is a higher law affecting our relation to pines as well as to men. A pine cut down, a dead pine, is no more a pine than a dead human carcass is a man. Can he who has discovered only some of the values of whalebone and whale oil be said to have discovered the true use of the whale? Can he who slays the elephant for his ivory be said to have “seen the elephant”? These are petty and accidental uses; just as if a stronger race were to kill us in order to make buttons and flageolets of our bones; for everything may serve a lower as well as a higher use. Every creature is better alive than dead, men and moose and pine-trees, and he who understands it aright will rather preserve its life than destroy it.’

What are you industrious about?

Di seguito, la trascrizione (rielaborata) del discorso del coordinatore Dario Piselli che ha chiuso l’incontro di ieri.

Innanzitutto, vorrei parlare di Voi. Che cosa intendo?

Io ho contribuito, con grande impegno vi assicuro, a far nascere questo network, che come vedete sta muovendo i suoi primi passi e deve ancora guadagnarsi sul campo, con attività pratiche che potremo organizzare e definire di volta in volta solo se avremo il più ampio supporto possibile, l’attenzione che merita.

Ciononostante non mi sento, e non sono, una specie di leader sindacale, in primo luogo perché non ho mai militato in alcun 220px-Henry_David_Thoreaupartito e neppure in alcuna associazione ambientalista, ed inoltre perché filosoficamente ho sempre ritenuto che il primo passo verso una società migliore nasca in interiore homine, come scriveva anni fa il mio concittadino Luciano Bianciardi. Ho sempre ritenuto, cioè, che sia migliore ‘fare’ a livello individuale, comportarsi secondo ciò che si ritiene giusto (anche se si è da soli), piuttosto che fingere di essere grandi attivisti e capipopolo che poi di concreto, nella loro vita, inseriscono poco degli insegnamenti che propagandano. In questo mi sono sempre ispirato a ciò che ha scritto un grande pensatore americano, Henry David Thoreau, il quale sosteneva che l’unica scelta giusta fosse la scelta morale, prima che quella coerentemente scientifica, economicamente vantaggiosa, o ancora politicamente intelligente. Insomma, mi definisco un individualista (nel senso alto e ‘filosofico’ della parola, ovviamente), ma questo non vuol dire -come forse state pensando- che io creda che in realtà un network non abbia senso perché ‘è meglio fare da soli’: quello che intendo e’ che, per impegnarsi in qualcosa, si dovrebbe prima di tutto capire se quel qualcosa è davvero ciò che vogliamo, ciò che riteniamo giusto, e NON invece seguire mode, schieramenti politici o bandiere di ogni tipo e soltanto allora, in base a quello che altri hanno deciso, scegliere ciò che è meglio per noi.

Sempre Thoreau scriveva: ’se sapessi con sicurezza che un uomo sta venendo da me per farmi del bene, correrei a mettermi in salvo’; in altre parole, mi piacerebbe che voi che siete presenti oggi maturaste una convinzione (o l’abbiate già maturata) non perché lo abbiamo detto noi o l’ha detto Al Gillespie, o Marco Boschini o ancora Giuseppe Notarbartolo di Sciara, ma perché pensate che non ci sia cosa migliore da fare; perché pensate, e lo penso anch’io, che prima di essere economica, politica e sociale, la scelta della sostenibilità sia una scelta fondamentalmente morale. Come mi ha ricordato il fondatore del Tethys Research Institute nel dialogo che ho intrattenuto con lui, infatti, troppo spesso ci dimentichiamo di quanto abbiamo bisogno della bellezza, e cioè della necessità che sia non (o non solo) l’impegno civile a guidarci, ma la coscienza del nostro intimo rapporto con la natura che ci circonda.

Serve, insomma, una prospettiva diversa. Non è impossibile, e probabilmente neanche difficilissimo cambiare il modo di pensare a ciòPigs confined in metal and concrete pens che ci sta intorno. Pensiamo alle nostre tavole. Jonathan Safran Foer ha scritto che l’alimentazione, prima di essere un fatto personale è un fatto sociale e culturale, qualcosa che ci dice quello che siamo e dove vogliamo andare, come ci rapportiamo con l’ambiente, con il mercato mondiale, con gli altri popoli e con gli altri esseri viventi. Sentire l’interconnessione tra ognuno di questi aspetti mentre ci troviamo davanti al nostro pranzo può sembrare strano, ed in effetti lo è, però al giorno d’oggi ci vuole poco ad accorgersi di quanto una simile affermazione sia veritiera. Infatti l’impatto ambientale (per tacere di quello morale, che non tutti considerano) dell’allevamento intensivo di carne è devastante ed innegabile, basti pensare che si stima che il solo consumo della stessa (tra trasporto e produzione) sia responsabile di oltre 1/6 delle emissioni di gas serra.

Così come devastante ed innegabile è l’impatto causato dalla pesca eccessiva sugli ecosistemi marini. Laddove spesso siamo Overfishing01ancorati ad una immagine, romantica e romanzata, del pescatore che sfida un mare che ha su di lui un potere di vita o di morte, la pesca oggi è in realtà un’industria, pesantemente sovvenzionata con fondi statali (nel nostro caso europei) ed in grado di produrre una pressione tragica sulle risorse naturali dei nostri mari. Una pressione talmente tragica che, se il ritmo del saccheggio non si attenuerà, secondo alcuni scienziati corriamo il rischio di non trovare più un solo pesce entro il 2050, ed alterare così irreparabilmente un equilibrio ecologico necessario alla vita sul pianeta, causando per di più imprevedibili ripercussioni sulla sicurezza alimentare in quei paesi nei quali il pesce rappresenta non un lusso, ma la principale fonte di proteine e di sostentamento; gli stessi paesi, tra l’altro, le cui acque già adesso stiamo depredando a suon di corruzione e dei cosiddetti ‘accordi di partenariato‘.

Nè il cosiddetto fish farming, che rappresenta il 50% dell’offerta mondiale di prodotti ittici, può rappresentare ‘la soluzione’ al problema dell’esaurimento delle ‘scorte’: esso ha infatti un impatto altrettanto devastante sugli ecosistemi costieri (penso alla distruzione delle mangrovie a causa dell’allevamento dei gamberetti), sulla biodiversità e sulla pressione sulle risorse ittiche (perché se si allevano in maggioranza pesci carnivori, bisognerà comunque pescare per dar loro da mangiare).

Allo stesso tempo, attraverso tutte le attività umane, dalla deforestazione al consumo di territorio per scopi abitativi ed industriali, dall’inquinamento marino e terrestre alla caccia, contribuiamo all’estinzione di circa 200 specie al giorno (secondo le stime dell’UNEP), in un escalation che, il biologo Edward O.Wilson ha stimato, porterà entro 100 anni alla scomparsa di metà delle specie di vita sulla terra, e consumiamo con sempre più largo anticipo le risorse naturali che il pianeta è in grado di produrre ogni anno. Pensate che l’earth overshoot day, ossia il giorno dell’anno in cui iniziamo a vivere in ‘debito ecologico’, perché abbiamo sorpassato le capacità rigenerative dell’ecosistema, nel 1982 cadeva il 21 di Ottobre, e quest’anno è invece caduto il 22 di Agosto.

Come se non bastasse, a causa di attività economiche incontrollate attentiamo ogni giorno alla salute dei nostri simili (basti vedere cosapg-6-arctic-ice-pa è accaduto nei giorni scorsi in Cina, ma basti anche pensare al caso ILVA, i cui lavoratori si trovano -per farla breve- a scegliere tra lo stipendio ed il tumore) e con le emissioni di metano, anidride carbonica, perossido di azoto, black carbon, contribuiamo in maniera crescente ai cambiamenti climatici, cambiamenti climatici il cui impatto sullo scioglimento delle calotte polari non solo è ormai un fatto innegabile in praticamente tutta la comunità scientifica (e, se non lo fosse, non si vedrebbe perché molte multinazionali dei combustibili fossili abbiano negli anni pesantemente sovvenzionato alcuni scienziati al fine di produrre report che negavano che ci fosse un ‘global warming’ in atto), ma è anche recentemente stato rivisto -purtroppo in negativo- rispetto alle precedenti previsioni.

Infine, e qui si manifesta l’inestricabile rapporto tra questioni ambientali e sociali, disconosciamo i diritti di quei popoli indigeni che, immemori di altri soprusi di altre epoche, continuiamo a combattere (il colonialismo non è mai davvero finito) con espropriazioni forzate, con l’indifferenza, con l’emarginazione, e fingiamo che l’unico modo per risolvere i problemi della fame, della povertà, del sottosviluppo sia uno sviluppo senza volto, uno sviluppo che elimina tradizioni, culture, ecosistemi in nome di una società economica globalizzata, la quale ignora i luoghi, le storie e le persone, dimenticando che invece solo dove c’è comunità, dove ci sono legami forti tra terra e uomo, ci può essere vera sostenibilità e vero miglioramento delle condizioni di vita.

Di fronte a questo -pur riassuntivo- quadro, un quadro frammisto di ignoranza e di quell’avidità che John Steinbeck aveva descritto già 798152_509721482412036_1496481063_omolti anni fa nei suoi libri, abbiamo insomma tutti gli elementi per decidere di impegnarci. Non con la rabbia od il pessimismo, ma con l’ottimismo di chi vuole costruire qualcosa di nuovo, anche nella nostra piccola realtà studentesca. E’ per questo che non vogliamo solo portare cartelli o fare proteste fini a sé stesse. Crediamo che sia arrivato il momento di ‘inoculare’ con coraggio proposte radicali, decise, che non temono compromessi, all’interno delle organizzazioni che hanno il potere di fare qualcosa. Dobbiamo lavorare perché quelle idee che un tempo erano ritenute un po’ ‘fricchettone’, che erano emarginate a prescindere dalla discussione pubblica ‘seria’ (quella dei politici e degli imprenditori che ‘sanno’ ciò che è giusto), divengano invece LE IDEE, le uniche autorevoli perché le sole davvero realistiche, le sole non ancorate a quei modelli direi novecenteschi di sviluppo che hanno causato tutto ciò di cui abbiamo parlato. Dobbiamo, come network, porci l’obiettivo di unire radicalità ed istituzionalità, non dobbiamo avere paura di una visione alta ma allo stesso tempo dobbiamo impegnarci perché questa visione sia accettata, compresa, e divenga quella vincente anche all’interno delle istituzioni.

E, per fare tutto ciò, dobbiamo rendere per prima cosa la nostra comunità universitaria, con l’aiuto dei docenti, del rettore, del personale amministrativo, un posto in cui si respira la sostenibilità. Alberto Magnaghi, grande urbanista e teorico del concetto di sviluppo locale autosostenibile, ha scritto che ‘Il territorio è un atto d’amore, frutto della fecondazione della natura da parte della cultura’. Per questo partire dai nostri studi, dal posto in cui viviamo e nel quale abbiamo le nostre relazioni, è fondamentale. Perché possiamo gettare un seme, ed essere così fecondi per una comunità intera.