Fighting fundamentalism is about development

Photo Credit: Ahmed Mousa/Reuters
Photo Credit: Ahmed Mousa/Reuters

I’m an atheist, and I believe that, when discounting the historical importance that religion has had in shaping the artistic, moral, and cultural identity of nations, the religious view of life is just harmful to mankind.

Yet we can not pretend that religion does not exist. Only 16% of the world population identifies itself as unaffiliated, there are 2.2 billion Christians and 1.6 billion Muslims on the planet whose creed will not go away, nor will fade, overnight (or in a century, for that matter).

This is why it is despicable, the result of grim political propaganda (both the one driven by ISIS’ delusional mission and that fueled by our own far-right extremists), to envision a clash of religions or even call for a war ON religion, particularly Islam. To put it simply, the inability of some to understand, let alone analyze, the complexity of terrorism mirrors the blindness of fundamentalists, and it provides an equally fertile ground for isolation and mutual hatred.

A problem exists, however. It is the thin line beyond which religious beliefs, rather than ways to achieve a spiritual experience of the divine, become keys to interpretation of injustices and abuses of power, and means through which a hope of revenge is presented as not just possible, but even desirable. No confession is immune from this dangerous narrative: just think of the enthusiasm that the election of Pope Francis has created in the Catholic world, at a time when politicians seem instead unable to offer meaningful answers to the economic and social challenges we are facing.

Religion as a method of interpretation of reality (or perhaps, we might say, the exploitation of religion for political purposes) gives the illusion that faith can deliver a solution to suffering and poverty, and from such illusion flows much evil. It is not surprising, in this sense, that the main target of Daesh propaganda is the ‘gray zone’, i.e. those citizens of Islamic religion who have a hard time integrating in Western countries and who are confronted with a dramatic choice when they are most vulnerable to economic crises, social exclusion, and the restrictions of individual freedoms that derive from events such as the ones which occurred in Paris: either you choose a future with no prospects in a society that discriminates you, or seek compensation through Allah.

In other words, it is due time for the international community to seriously address the root causes of terrorism, which are not squarely religious, and to do that in a multipolar geopolitical context as well as through a perspective that refutes both the rhetorics of feel-good nonviolence and the idiotic idea that an ‘Islamist invasion’ is taking place.

On the one hand, it is indisputable that we shall fight the extremist fringes of fundamentalism, which is first and foremost an enemy of all the Islamic world, where the majority of massacres and mass rapes has indeed occurred so far. On the other, it is urgent (and necessary) to simultaneously invest in a system of international relations that favors a less unequal economic development and fosters greater social inclusion, be it in Europe, in the Middle East, or wherever extreme poverty and political instability continue to expose millions to the religious insanity of terrorist groups like ISIS.

***

Sono ateo. Credo che, al netto dell’importanza storica delle religioni (tutte le religioni) nel plasmare l’identità artistica, morale e culturale dei popoli, semplicemente la visione religiosa sia dannosa per l’essere umano.

E tuttavia non possiamo far finta che la religione non esista. Solo il 16% della popolazione mondiale non si identifica con una specifica confessione, ci sono sul nostro pianeta 2 miliardi e 200 milioni di cristiani e 1 miliardo e 600 milioni di musulmani e questo numero non scomparirà né si assottiglierà, in una notte come in un secolo.

Per questo sono impensabili, frutto di una orrenda propaganda politica (sia quella delirante dell’ISIS che quella macabra e ignobile degli estremismi di casa nostra), tanto le invocazioni ad una guerra tra religioni quanto quelle ad una guerra ALLA religione, in particolare modo quella islamica. Semplicemente, l’incapacità di capire e analizzare la complessità dei fenomeni, che quotidianamente osservo nell’opinione pubblica e qui su Facebook, è speculare alla cecità del fondamentalismo, un terreno egualmente fertile per l’isolamento e l’odio reciproco.

Un problema però esiste, ed è quella sottile linea oltre la quale il credo religioso, da esperienza individuale del divino, diviene interpretazione della realtà, chiave di lettura delle ingiustizie e dei soprusi, e mezzo di somministrazione di una speranza di rivalsa. Nessuna confessione, di nuovo, è immune da questo rischio, basti pensare all’entusiasmo che l’elezione di Papa Francesco ha creato nel mondo cattolico, in un momento in cui la politica non pare invece in grado di fornire risposte alle difficoltà economiche e sociali che ci troviamo a vivere.

La religione quale metodo di interpretazione della realtà (o forse, potremmo anche dire, lo sfruttamento della religione a fini politici), qui sta il seme dell’oscurantismo, illude che vi sia una soluzione dettata dalla fede alla sofferenza ed alla povertà. Non sorprende pertanto che l’oggetto principale della propaganda di Daesh sia proprio ‘la zona grigia’, ovvero quella popolazione di religione islamica che faticosamente cerca di integrarsi nei paesi occidentali e che, vulnerabile di fronte alla crisi economica, all’esclusione, ed alle restrizioni delle libertà individuali che derivano da eventi come quelli di Parigi, viene messa di fronte a una scelta: o un futuro senza prospettive in una società che la ghettizza, oppure un avvenire di riscossa tramite Allah.

In altre parole, la comunità mondiale dovrebbe finalmente -e seriamente- affrontare le radici profonde del terrorismo, che non sono tout court religiose, in un contesto geopolitico multipolare e in un’ottica che vada al di là tanto delle teorie dell’invasione islamista quanto del mantra irreale del ‘vogliamoci bene’.

Sacrosanto combattere la frangia estremista del fondamentalismo, che è nemico anche e soprattutto del mondo islamico, dove infatti ci sono state le principali offensive, i massacri, gli stupri di massa. Necessario, però, investire contemporaneamente in un sistema di relazioni internazionali che favorisca uno sviluppo economico meno diseguale ed una maggiore inclusione sociale, in Europa come in Medio Oriente e, per estensione, ovunque la povertà estrema e l’instabilità politica continuino a prestare il fianco alle sirene della follia religiosa.

Senzanome1

Advertisements

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s